Giorgia Catalano

Giorgia Catalano nasce a Ventimiglia (Im)  nel 1971, ma vive a Torino dall’età di 2 anni.
Sue grandi passioni, fin da bambina, sono: il canto (ha studiato tecnica vocale e cantato anche in grandi corali polifoniche piemontesi e friulane), la scrittura (già all’età di 12 anni si cimentava a scrivere poesie e racconti, rimasti inediti), la fotografia (ha partecipato, con successo, a diverse mostre e concorsi fotografici), le arti decorative (restaura e trasforma oggetti di vario genere) e la radio (già a 14 anni conduceva un format di intrattenimento musicale per una radio locale pugliese).

Collabora con periodici locali, quotidiani e riviste letterarie online, anche internazionali; sue liriche sono state interpretate in chiave teatrale, musicate e cantate, o lette durante trasmissioni radiofoniche, come “L’Uomo della Notte”, condotta da Maurizio Costanzo su Rai Radio 1.

E’ stata intervistata dalla poetessa e giornalista Luigia Sorrentino, per Rai News, e da periodici e siti letterari. Una sua breve lirica è riportata sui marciapiedi di Strada San Mauro, a Torino, per il progetto: “Un fiume di parole – Rivivi Barca-Bertolla”, ad opera dell’artista di fama internazionale, Opiemme.

Sue poesie sono state incluse in antologie e raccolte – il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza; inserite anche in opere letterarie riguardanti la storia della città di Torino, come “Porta Palazzo” di Piergiorgio Balocco (Graphot editrice) e della giornalista Federica Calosso, sempre con i tipi di Graphot, in un’opera che narra la vita e la storia del quartiere torinese “Falchera”.
A queste si aggiunge una sua raccolta poetica: “Un Passaggio verso le Emozioni” – Photocity edizioni (2012) e “Aquiloni Distratti” collettanea di poesia e narrativa, scritta con Giorgio Milanese, pubblicata dalla casa editrice Sillabe di Sale (2015).
Sul suo poetare si sono espressi critici letterari e giornalisti quali: Ninnj Di Stefano (autrice avviata alla Poesia da Salvatore Quasimodo, e grande amica di Alda Merini), Luciano Domenighini (critico letterario), Nazario Pardini (candidato al Premio Nobel per la Letteratura), Emanuele Marcuccio, Mario Barbero (ex giornalista del quotidiano La Stampa) e non soltanto.

La Catalano è prefatrice, recensionista e curatrice editoriale.

E’ Vicepresidente dell’APS “Club dei Cento” di Giorgio Milanese.
E’ ideatrice, organizzatrice e conduttrice di eventi culturali e musicali (Telethon Day, spettacoli di beneficenza ed altro ancora).

E’ speaker radiofonica, co-autrice, regista e co-conduttrice – con Giorgio Milanese – del format di intrattenimento e approfondimento culturale: “L’isola che non c’è”, andato in onda per tre stagioni sulle frequenze in FM di Radio Italia Uno e, da due anni, in onda sulla popolare Web Radio Network.

Torino, 30 ottobre 2018